Umidità e Muffa : come usare il deumidificatore senza spendere un capitale in elettricità

RISERVATO AI PAPA’ che ogni inverno combattono l’umidità e la muffa da condensa con ogni mezzo a disposizione e vogliono vivere in una casa salubre!

Caro papà, devi sapere che con l’arrivo dell’inverno hai ben DUE nemici che potrebbero mettere in pericolo la salute della tua famiglia….e il tuo conto in banca!

L’umidità e la MUFFA!

Sebbene entrambi siano fenomeni naturali che l’uomo non può comandare, dobbiamo comunque difenderci per non vivere in una casa dall’aria malsana!

Sì, Giuseppe, ma alla fine che fa di male l’umidità? E’ solo un po’ di acqua!!!!

E’ vero, caro amico ed effettivamente un po’ di umidità non mai hai ucciso nessuno ma ti consiglio di non sottovalutare il problema!

Facciamo un brevissimo ripasso.

L’umidità degli edifici rappresenta la quantità di acqua (o vapore acqueo) presente nell’aria.

Si misura con uno strumento che si chiama IGROMETRO e va da una scala di valori da 0 a 100% a seconda del livello di umidità presente nell’aria.

Il livello ottimale di umidità negli ambienti interni è intorno al 50-55%.

Un tasso di umidità troppo basso (es. inferiore del 30%) denota un’aria secca in casa e può creare problemi di secchezza della gola e altri fastidi respiratori.

In questo caso tocca UMIDIFICARE, cioè aggiungere altro vapore acqueo nell’aria (con un umidificatore elettrico o le vaschette di ceramica riempite di acqua che si mettono sui caloriferi accesi).

 

Se invece superiamo valori superiori al 70% per lunghi periodi, si parla di eccesso di umidità e questo può crearci problemi sia alla nostra salute che alla nostra casa.

Per farla semplice, se hai troppo umidità potresti correre il rischio che si formi condensa sulle tue pareti.

La condensa è quella reazione fisica che si manifesta quando una corrente calda si scontra su una superficie fredda.

Immagina lo specchio che si appanna quando ci facciamo una doccia calda.

Finchè è lo specchio a bagnarsi non ci sono problemi.

Si asciuga con uno straccio.

 

Ma cosa succede quando la condensa si forma su muri rivolti verso l’esterno che sono freddi e poco isolati?

Te lo dico io….

Si forma la famigerata muffa da condensa, l’incubo di milioni di famiglie italiane.

Quindi se controlliamo il livello di umidità possiamo tenere a bada la muffa da condensa?

QUASI, nel senso che un tasso di umidità più basso aiuta ma non risolve il tuo problema di muri freddi e condensa.

Voglio quindi darti due consigli che potrebbero fare la differenza questo inverno!

 

CONSIGLIO N.1 – Se hai muffa sui muri NON usare il deumidificare se prima non l’hai eliminata davvero!

Ma come! Hai detto che il deumidificatore aiuta ad abbassare il tasso di umidità. Non basta?

Purtroppo no, visto che questo comportamento genera un effetto positivo e uno negativo.

EFFETTO POSITIVO : raccogli tanta acqua e quindi riduci il tasso di umidità

EFFETTO NEGATIVO : contribuisci a diffondere le spore della muffa in tutta la casa e rischi di respirarle e ingerirle (rischiando patologie respiratorie e allergie)

RICORDA:

Mai toccare la muffa a secco con stracci, carta vetrata, pennelli e non soffiarci sopra dell’aria perchè così facendo contribuiremo a diffonderla nell’ambiente!

SOLUZIONE:

Prima di far partire il deumidificatore indaga sulle cause della formazione della muffa e AGISCI eliminando la muffa prima di diffondere le spore nel resto della casa.

CONSIGLIO N.2 – Per evitare di spendere centinaia di euro in elettricità azionando il deumidificatore 8 ore al giorno, risolvi le cause del problema di muffa da condensa.

Il deumidificatore è nato come strumento per creare benessere in casa, non per asciugare sistematicamente l’aria umida 24 ore al giorno!!!!

Come si risolve un problema di muri freddi (ponti termici) e isolamento di una camera che magari è esposta su 3 lati?

Purtroppo non esiste una ricetta buona per tutti e, per come la vedo io, va analizzato ogni singolo caso e creato un trattamento su misura mirato a risolvere le cause del problema.

Insomma, non si può comprare la Ferrari se ci serve la macchina solo per fare la spesa sotto casa!! 🙂

Ricorda:
Il tuo nemico n.1 è l’umidità e la condensa.

Se hai già muffa in casa hai bisogno di un trattamento efficace che elimini tutto ciò che di vivente si è formato sulle tue pareti (e si sta diffondendo nel resto della casa).

Solo dopo potrai concentrarti sul controllo del tasso di umidità!

Se vuoi saperne di più come gestire la tua casa durante i mesi invernali e proteggerla dalla muffa, ho creato per te tante risorse gratuite che fanno parte del METODO BASTAMUFFA.

========================================

Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali

Fondatore di Bastamuffa.com
Dal 2010 esperto di fiducia per più di 7000 famiglie che hanno risolto il loro problema di muffa da condensa

Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali

Fondatore di Bastamuffa.com
Dal 2010 esperto di fiducia per più di 7000 famiglie che hanno risolto il loro problema di muffa da condensa

logo-mobile.png

richiedi la valutazione gratuita della muffa

Metodo Bastamuffa – DA DOVE INIZIARE?

FASE 1 – PRIMI PASSI

Leggi / guarda / scarica le risorse gratuite per approfondire l’argomento e diventare un vero “esperto di muffa”:

FASE 2 – ANALIZZA e RISOLVI IL TUO PROBLEMA:

Scopri il sistema per sconfiggere la muffa da condensa
⇒ www.metodobastamuffa.com
, il nostro Sistema creato su misura per sconfiggere le cause della muffa da condensa.

Per risolvere le cause della muffa da condensa ecco i passaggi per ricevere la nostra consulenza gratuita:

Kit di Analisi per identificare il ceppo di muffa e la sua pericolosità ⇒ www.sosmuffa.com

Preferisci un contatto umano diretto?
Chiamaci allo 0243114183 dalle 9 alle 20 o scrivi a Cristina su Whatsapp al 3407792870. Siamo sempre a tua disposizione!

Benvenuto nella famiglia di Bastamuffa!

Se vuoi diventare uno dei nostri Eroi che ha sconfitto definitivamente la muffa da condensa e salvato i propri cari da “fastidi” di salute dovuti ad un’eccessiva e prolungata esposizione alle spore, siamo qui per aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *