Muffa in una casa in affitto : 5 consigli per proteggere la tua famiglia

[Sei un papà che ogni inverno combatte una battaglia con la muffa…e il padrone di casa?]

Perchè farsi il sangue amaro per colpa della muffa e litigare col padrone di casa se ci si può difendere dalla muffa iniziando da buone abitudini?

Oggi parliamo di un fastidio che perseguita tantissime famiglie che vivono in affitto o magari studenti universitari che si trasferiscono lontano da casa per studiare.

Non c’è niente di peggio di trovare muffa in una casa in affitto e non poter fare niente per evitarlo!

La trama di questo romanzo è sempre la stessa.

L’inquilino segnala muffa al padrone di casa.

Solitamente (nessuno si offenda) il padrone di casa invita l’inquilino a pulire perchè…

“..è una cosa da niente e sicuramente è colpa vostra che non aprite le finestre. Pulite con candeggina e si risolve tutto!”

L’inquilino ci prova ma non basta arieggiare.

Si comincia con candeggina o spray antimuffa acquistati in colorificio.

Niente da fare.
La muffa ritorna.

A quel punto il papà capisce che, anche se non è casa sua, non può vivere in una situazione pericolosa per salute dei suoi cari e decide di agire nella speranza di risolvere per almeno un annetto…

In primavera si reca nel colorificio di fiducia e torna a casa con una latta di pittura antimuffa e un prodotto per “pulire”.

Imbianca la stanza dopo aver “pulito” con quello spray che ha odore di cloro e finalmente i muri tornano bianchi.

L’estate passa senza problemi e anche le prime settimane dell’autunno sembrano sotto controllo.

Poi, improvvisamente, il clima cambia.
Le temperature crollano e il tasso di umidità sale.

Si accendono i riscaldamenti e si aprono meno le finestre (fa freddo!!!!).

Ed ecco che quelle macchie nere che sembravano dimenticate, tornano negli angoli più freddi ed intorno alle finestre.

Ricomincia l’acceso dialogo col padrone di casa.
Purtroppo nel 94% dei nostri casi il padrone non collabora e sostiene che quando ci viveva lui in quella casa non si formava mai muffa.

Scontri, minacce e tanta frustrazione di non poter vivere in una casa sana, nonostante l’affitto pagato.

Questo è il classico racconto che sento tutti i giorni dalle famiglie che vivono in affitto e convivono con la muffa.

Ovviamente ci sono anche delle eccezioni.

Padroni di casa intelligenti che capiscono che risolvere il problema di muffa in maniera definitiva vuol dire tutelare il proprio investimento (incassare ogni mese l’affitto) e valorizzare l’immobile (oltre che mantenere una relazione di fiducia con l’inquilino).

Ipotizziamo però che tu ti trovassi nella condizione peggiore.

Muffa nera che ritorna ogni anno e un bimbo che è sempre col naso che cola e con la tosse in inverno.

Voglio darti 5 consigli utili per evitare di peggiorare il problema e difenderti a costo zero, in attesa di fare un’analisi del problema e trovare le cause scatenanti della muffa.

Il mese scorso ho conosciuto i ragazzi di TOP RENT, azienda specializzata in affitti di residenze per studenti universitari a Padova e Venezia. Ascoltando la loro storia è venuto lo spunto per questo video.

Come spiegare a giovani studenti universitari l’importanza di avere cura del proprio alloggio e proteggersi dalla muffa?

Ti racconto tutto nella video intervista che ho fatto con Katia di Top Rent.

Ricapitolando, a cosa prestare attenzione se vivi in affitto e non vuoi avere muffa:

CONSIGLIO N.1 – Attenzione al tasso di umidità!

Procurati un igrometro e tieni sotto controllo la situazione. Se per lunghi periodi il tasso di umidità supera il 60/65% sei a rischio di muffa da condensa.

Il rimedio è usare un deumidificatore o almeno arieggiare!

Non a caso la creazione del trattamento su misura Bastamuffa parte dalla misurazione del tasso di umidità con la stazione meteo contenuta nel nostro Kit di Analisi.

CONSIGLIO N.2 : ARIEGGIA IN MODO INTELLIGENTE
Fai arieggiare la casa (e le stanze più a rischio) un paio di volte al giorno creando un ricambio d’aria. Non ci vorranno ore ma qualche minuto se viene fatto bene!

Quindi non basta aprire solo UNA finestra perchè entrerebbe solo il freddo senza avere un vero ricircolo d’aria.

A tal proposito ti raccomando di guardare il video che ho fatto insieme ai mitici fratelli Gratton di GMC IMPIANTI, gli specialisti italiani dell’aria che ci spiegano i trucchi per ottenere il miglior ricambio d’aria!

CONSIGLIO N.3 : RIMEDI TEMPORANEI e (potenzialmente) TOSSICI

Chi non ha usato almeno una volta nella vita la candeggina per pulire le macchie di muffa?

E’ il rimedio della nonna e tantissimi continuano ad utilizzarlo vantando persino ottimi risultati.

Purtroppo quando hai un problema di muffa da condensa, la candeggina (o lo spray antimuffa del colorificio) è assolutamente inutile ed inefficace.

Ogni giorno ascolto confessioni di mamme e papà che si intossicano per colpa di un uso esagerato della candeggina sulle pareti e alla fine la muffa si riforma nel giro di pochi giorni.

Soluzione? Se non sai le cause del tuo problema non spendere soldi in prodotti comprati in negozio oppure online.

Nel nostro caso, forniamo una soluzione garantita ai nostri clienti solo dopo che avranno testato i principi attivi del nostro trattamento tramite il nostro Kit di Analisi che ricevono direttamente a casa.

Non si tratta solo di una “prova di San Tommaso” ma di uno strumento per analizzare le cause del problema partendo dal test dell’aria e la misura di umidità e temperatura.

CONSIGLIO 4 : Non stendere i panni nella camere più umide e fredde

Questo è un altro fattore di rischio molto diffuso.

Se non c’è l’asciugatrice in casa bisogna stare molto attenti a dove si appendono panni umidi. L’ideale sarebbe fare un risciacquo in più e strizzarli il più possibile, in modo da non rilasciare litri di acqua nell’aria.

CONSIGLIO N.5 : ATTENZIONE ai mobili e armadi attaccati alle pareti rivolte all’esterno

Non immagini quante mamme mi raccontano di percepire strani odori in inverno (che nessuno della famiglia sente) e poi accorgersi che dentro gli armadi (o le cabine armadio) i vestiti si ammuffiscono.

Questo è un fenomeno tipico quando un armadio ostruisce una parete fredda e umida.

Ti consiglio di staccare gli armadi di qualche centimetro e controllare che non si formi sui vestiti quella polverina bianca che sembra forfora e invece è il segnale d’allarme che la muffa si sta diffondendo tra i vestiti!

Questi sono solo alcuni consigli per vivere la casa con buon senso e prevenire il più possibile la formazione della muffa.

Ma cosa fare se c’è già muffa in casa e i precedenti rimedi non hanno risolto?

Il Metodo Bastamuffa in questi casi parla chiaro :

“Non si acquistano prodotti senza prima aver fatto un’analisi delle cause scatenanti del problema”.

Comprare prodotti e testarli come delle cavie da laboratorio è come curarsi in farmacia con medicine consigliate dal cugino senza prima una visita di un medico.

Ecco perchè il trattamento Bastamuffa è definito affettuosamente “lento” da parte dei suoi clienti.

Ricordi il detto “La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi“?

E’ vero.
Siamo più lenti di Amazon e dei centri commerciali perchè una soluzione su misura ha bisogno di un’analisi e una cosa fatta bene non può essere fatta in fretta 😉

Continua a leggere come funziona il nostro Metodo e quali sono le risorse gratuite a tue disposizione per fare chiarezza una volta per tutte!

La soluzione non è mai litigare col padrone di casa o minacciarlo di non pagare l’affitto! Solo con un’adeguata analisi è possibile capire quale soluzione adottare per smettere di sprecare tempo e denaro ogni inverno.

========================================

Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali

Fondatore di Bastamuffa.com
Dal 2010 esperto di fiducia per più di 7000 famiglie che hanno risolto il loro problema di muffa da condensa

Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali

Fondatore di Bastamuffa.com
Dal 2010 esperto di fiducia per più di 7000 famiglie che hanno risolto il loro problema di muffa da condensa

logo-mobile.png

richiedi la valutazione gratuita della muffa

Metodo Bastamuffa – DA DOVE INIZIARE?

FASE 1 – PRIMI PASSI

Leggi / guarda / scarica le risorse gratuite per approfondire l’argomento e diventare un vero “esperto di muffa”:

FASE 2 – ANALIZZA e RISOLVI IL TUO PROBLEMA:

Scopri il sistema per sconfiggere la muffa da condensa
⇒ www.metodobastamuffa.com
, il nostro Sistema creato su misura per sconfiggere le cause della muffa da condensa.

Per risolvere le cause della muffa da condensa ecco i passaggi per ricevere la nostra consulenza gratuita:

Kit di Analisi per identificare il ceppo di muffa e la sua pericolosità ⇒ www.sosmuffa.com

Preferisci un contatto umano diretto?
Chiamaci allo 0243114183 dalle 9 alle 20 o scrivi a Cristina su Whatsapp al 3407792870. Siamo sempre a tua disposizione!

Benvenuto nella famiglia di Bastamuffa!

Se vuoi diventare uno dei nostri Eroi che ha sconfitto definitivamente la muffa da condensa e salvato i propri cari da “fastidi” di salute dovuti ad un’eccessiva e prolungata esposizione alle spore, siamo qui per aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *