Eliminare la muffa subito o aspettare primavera e nel mentre si diffonde in tutta la casa?

Fermi tutti, sento odore di sermone sulla prevenzione.

IO ODIO quando si parla di prevenzione e mi devono per forza convincere a fare qualcosa solo perché forse potrebbe prima o poi succedere qualcosa di brutto.

Finché poi non ti succede davvero.

Ieri per la prima volta dei ladri sono entrati nel mio box.

Hanno portato via qualcosa, messo tutto sottosopra e hanno richiuso la saracinesca.

Non mi era MAI successo da quando abito lì.
C’è da dire che il numero di furti in quei box è sempre stato alto ma a me non era mai capitato.

Ho visto negli anni rinforzare quelle porte fino al punto che sembrava dovessero resistere ad un attacco atomico.

Chi erano?

Persone che avevano subito un furto e avevano preso immediati provvedimenti.

Come dovrò fare anch’io ora che ho subito questa intrusione.

Non ti nego che guardando quei lavori così blindati ho sempre pensato ridacchiando….”esagerati!!!!”.

Ora non lo penso più.
Come al solito sono finito nell’80% di quelli che intervengono dopo un furto.

Ovviamente questa equazione non vale solo per chi subisce un furto ma in qualsiasi situazione della vita dove….prima subisci…e poi intervieni.

Noto una certa somiglianza con quello che accade tutti i giorni nel mio lavoro di acchiappamuffa.

Parlando con un amico qualche mese fa rispondevo alle sue domande curiose sul suo lavoro.

Quando mi ha chiesto il mese in cui riceviamo più richieste è rimasto sbalordito.

Non si aspettava che a GENNAIO riceviamo il massimo numero di valutazioni e, di conseguenza, di vendite dei nostri trattamenti.

Mi ha detto di getto : “ma scusa Giuseppe….ma i lavori in casa non si fanno in primavera o in estate?”.

Eh no caro mio.

In primavera fa ancora fresco e si rimanda all’estate.

In estate fa troppo caldo e poi si va in vacanza…magari vediamo a settembre.

Il resto puoi immaginarlo.

Non voglio farti la predica proprio oggi, vista la mia disavventura.

Mi rendo conto che siamo tutti umani e su certi argomenti più delicati tendiamo a sottovalutare.

Si rimanda per un’assicurazione sulla vita…tanto cosa ci può mai succedere.

Si rimanda per fare l’analisi del sangue…tanto prima o poi lo faccio (io lo devo fareeee!).

In gergo si chiama procrastinare e io sono un dei massimi esponenti in materia! 😀

Mi rendo conto che affiancare i controlli medici ai trattamenti antimuffa potrebbe sembrare blasfemo o eccessivo….

Eppure sappiamo tutti che la muffa è la malattia dei muri, che fa male alla salute, che fa schifo averla sui muri e ci fa vergognare di avere ospiti in casa….eppure lei ogni inverno c’è sempre, nera come non mai.

Se mi posso permettere, non ti offendere, c’è una fase che proprio viene ignorata quando si ha a che fare con la muffa.

QUELLA IN CUI DEVI STERILIZZARE LE PARETI!

Eh sì, noi pensiamo ai fastidi di dover imbiancare e invece la nostra priorità dovrebbe essere disinfettare dalla muffa.

E invece alla fine usiamo candeggina, il muro torna pulito e ci sentiamo a posto con la coscienza.

Non c’è bisogno che recupero schermate di mail e messaggi dove la gente è letteralmente intossicata dalla candeggina e non risolve il problema (anche se c’è qualche fenomeno del web che ancora scrive che basta una spruzzata di candeggina e via…..).

Quando ti fai fare un preventivo in pieno inverno e alla fine molli tutto perché “è caro e adesso non posso farlo”, come giustifichi il fatto che comunque respirerai le spore della muffa per tutto l’inverno?

Ho notato ultimamente che alcune richieste di valutazione si bloccano a metà perchè il cliente scopre (suo malgrado) che bisogna intervenire subito.

Cosa faresti durante un’invasione di ebola nel tuo quartiere?

Aspetteresti la stagione bella o cercheresti una cura immediata per evitare il contagio e salvarti la vita?

Ora senza estremizzare vorrei farti capire di quanto sia importante che tu investa quei due spiccioli necessari per DISINFETTARE LA MUFFA SUBITO!

Non è detto che tu debba pitturare domani mattina….ma dimmi una sola ragione per cui non dovremmo fare questa operazione ORA, IMMEDIATAMENTE.

A volte pensiamo che siccome si inizia a fare un trattamento poi siamo in obbligo o dovere di andare avanti….

Quindi meglio non fare niente e cercare qualcosa che costa meno.

Parliamoci chiaro.

Io ho subito un furto in un box con tante cianfrusaglie dentro e ora spenderò qualche centinaio di euro per sistemare tutto e dovrei tornare alla solita vita.

Cosa succede invece a chi ha un sacco di muffa in casa e se ne frega per tutto l’inverno solo perché “gli scoccia” o perché “fa freddo” o altre scuse ridicole?

Capisco perfettamente che più si avvicina la stagione fredda e più queste motivazioni diventano forti.

Evidentemente la motivazione “non voglio vivere a contatto con la muffa” non è abbastanza forte, visto che non siamo nemmeno disposti a spendere 25 euro per disinfettare realmente la muffa.

Mi rendo conto che questo articolo è un mix tra lo sfogo di chi ha appena subito un furto e chi ascolta ogni giorno decine di persone e non può aiutarle perché non hanno pienamente compreso la gravità della loro situazione.

Ti lascio solo con questa domanda.

Se ti dovessi guardare ad uno specchio potresti dirti serenamente “ho fatto quello che potevo contro la muffa e più di così non si può?”.

Se ti senti a posto con la tua coscienza (spesso di genitore) e trovi normale vivere a stretto contatto con un organismo che vive, si riproduce e si ciba dentro casa tua, allora non hai bisogno di me e mi commenterai il pezzo dicendo che “sono allarmista” e “uso la leva della paura per vendere”.

Però poi non ci dobbiamo lamentare se ci si ammala e i nostri bambini hanno raffreddori interminabili, tosse ed asma.

Se c’è una cosa che curiamo con il massimo tatto e rispetto è proprio la gestione del nostro trattamento in condizioni particolari.

Mi riferisco ai casi in cui non puoi fare tutto il lavoro subito, hai pochissimo tempo ma devi risolvere, hai una casa intera invasa da muffa o non sai da dove cominciare.

Proprio grazie alla valutazione che offriamo prima di proporti un trattamento, possiamo metterti in condizione di fare il possibile per bloccare il problema subito e magari pitturare un po’ più in la.

Nessuno ti punterà mai un fucile in testa il 24 dicembre dicendoti…..”o fai tutto adesso o la muffa ti consumerà i muri in una settimana!” 😀

Questo è quello che chiamo terrorismo psicologico.

Il nostro compito è di RISOLVERE il tuo problema compatibilmente con le tue esigenze e la tua situazione attuale.

Proprio per questo utilizziamo SOLO prodotti ECOLOGICI e certificati CLASSE A+ con bassissimo livello di odori.

Se già hai provato l’ebbrezza di respirare la candeggina sai benissimo cosa intendo.

Soprattutto se spruzzi in inverno a finestre chiuse!

Insisto ancora ricordandoti che  anche se umanamente ignoriamo il detto “prevenire è meglio che curare”, non possiamo ignorare il fatto che se abbiamo un ospite sgradito in casa dobbiamo almeno cacciarlo fuori immediatamente.

Poi cambieremo il colore alla camera per non vedere i danni che ha fatto.

NON PUOI DORMIRE IN UNA STANZA DOVE C’E’ MUFFA come se niente fosse!

E non puoi nemmeno rinunciare a farlo solo perché “poi si deve pitturare e non ho voglia di farlo adesso”.

Se ti trovi in inverno nella situazione che ti ho descritto credo proprio di poterti aiutare!

 

Cosa posso fare per te a questo punto?

Se sei arrivato fin qui devo farti innanzitutto i miei complimenti perché significa che non sei solo curioso ma ci tieni ad informarti sul problema muffa in casa tua.

Come ti dicevo hai solo un’opzione per collaborare con me e lo staff tecnico di Bastamuffa e ottenere GRATUITAMENTE e SENZA IMPEGNO un’analisi del tuo problema di muffa.

Clicca sul pulsante verde qui in basso e richiedi la valutazione gratuita della muffa:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *