Muffe da Incubo 9 – Come togliere la muffa dai muri della cucina senza rimetterci la salute

Come togliere la muffa dai muri

Tutto è iniziato da questa foto, che mi è stata inviata da una cliente preoccupata per la situazione della sua cucina.

Alla fine è solo un angolino un po’ conciato (diceva lei).

Le ho fatto una sola e semplice richiesta.

TOGLIERE I PENSILI DELLA CUCINA e rifare la foto.

Quando ci ho parlato nuovamente, non mi aveva ancora mandato la foto.
Mi ha pregato di andare a casa sua a vedere.

Stavolta era davvero in crisi.
Questa foto l’ho scattata io.

Ecco il motivo della sua disperazione :

2016-03-31 11.29.19

No, nessuno ha dipinto di nero quei muri perché si dice che il nero sta bene su tutto.

E non c’è stato nemmeno un incendio sulla parete.

Quella è MUFFA.

E si è formata in 10 anni, cioè da quando la signora Lina ha cambiato la cucina.

Pensare che Lina quando mi ha chiamato mi chiesto solo :

“Come togliere la muffa dai muri della cucina ?”

Sapevo che c’era qualcosa sotto.

Non so perché spesso chi ci telefona minimizza sull’entità del suo problema ma ormai io e i ragazzi dell’assistenza tecnica siamo abituati.

E’ abitudine comune pensare che la muffa degli altri fa schifo, la nostra è solo un puntino, niente di serio.

Peccato che questo “puntino” in 10 anni ha fatto un disastro dietro i mobili della cucina.
Non oso immaginare cosa si sono respirati i signori, soprattutto durante i pranzi con la famiglia (numerosa) al completo, nipotini compresi.

Ecco il video che ho girato prima di iniziare il trattamento :

 

Superato lo shock ho impugnato la mia fidata pistola laser e ho misurato la temperatura e l’umidità di questa parete.

come togliere la muffa dei muri della cucina    2016-03-31 11.51.59

Solita storia.

Ponte termico di 2°C.

Considera che ho preso queste temperature in una giornata di primavera MOLTO calda.

Fuori avevamo 22 gradi e c’era il sole.

Nonostante tutto l’analisi della temperatura non sbaglia e ci da uno stacco di 2 gradi tra il punto con più muffa e la parete vicina.

Non oso immaginare questo inverno lo sbalzo di temperatura che c’era.

Visto che sono andato a casa della cliente, le ho evitato il questionario scritto ma ho dovuto tempestarla di domande (ecco perché devi sempre compilare il questionario sul sito valutazionemuffa.it o mi toccherà sottoporti ad un interrogatorio per conoscere il tuo problema e trovare la soluzione per togliere la muffa dai muri!).

Si tratta di una cascina ristrutturata degli anni 60.

Dove adesso sorge questo appartamento prima c’erano delle stalle e il portico.

I muri sono molto friabili e sono esposti su 2 lati all’esterno.

2016-03-31 18.24.27

L’intonaco era così fragile che prima di toccare la muffa abbiamo stuccato con un ottimo stucco da esterni a base cementizia le parti sgretolate.

Cosa bisogna fare in questi casi per togliere la muffa dai muri e dalle pareti in maniera sicura ?

Prima cosa, non bisogna cercare di “togliere” la muffa, perché stiamo parlando di un organismo vivente e non di una macchia nera antiestetica.

Quanti di voi hanno mai grattato la muffa con spatola, carta vetrata, flessibile e altri mezzi di fortuna ?

TROPPI !!!!

Questo comportamento è dannosissimo perché solleva le spore della muffa, che vengono così diffuse nel resto della stanza e, dulcis in fundo, se le respira il malcapitato che sta “togliendo” la muffa.

Permettimi di spendere due parole su come NON si deve eliminare la muffa in questi casi (ma vale anche nei casi più semplici come il tuo).

  • MAI GRATTARE LA MUFFA
  • MAI SPOLVERARE LA MUFFA
  • MAI PULIRLA CON DETERGENTI o CANDEGGINA
  • MAI ASPORTARE LA VERNICE A SECCO DOVE C’E’ MUFFA

Forse sono stato un po’ brusco ma credimi, voglio evitarti rotture, perdite di tempo e denaro e, possibilmente, poterti aiutare senza prima dover rimediare ai disastri compiuti in precedenza.

Comunque, anche se avessi fatto una delle precedenti operazioni che ho sconsigliato, stai tranquillo, siamo ancora in tempo per rimediare.

Però adesso dovrai cambiare completamente strategia, se non vuoi diventare schiavo del colorificio che ti vende lo spruzzino con candeggina che ogni 2 settimane deve essere spruzzato.

Non sei stanco di intossicarti con candeggina e altri prodotti inefficaci ?

Torniamo al nostro caso.

Come sai, abbiamo in catalogo un eccezionale disinfettante atossico che solitamente faccio applicare direttamente sopra la muffa.

Questa volta però non possiamo farlo.

Il motivo è semplice e facilmente intuibile.

La muffa dietro i pensili è così nera e fitta che rovineremmo il prodotto in crema se lo spalmassimo direttamente su quella parete.

Inoltre ci sono anche le piastrelle che si sono annerite per colpa della muffa.

In questi casi consiglio di aiutarsi con un altro prodotto, prima di applicare il disinfettante in crema.

Ai miei clienti consiglio di usare un disinfettante liquido da applicare direttamente sulla muffa.

Il prodotto non è tossico e non ha odori sgradevoli durante l’applicazione e si può applicare su piastrelle, mobili e pavimenti.

In basso puoi vedere come ho fatto applicare il liquido igienizzante prima di disinfettare davvero (dura 10 secondi).

Non ti stupire se faccio fare 2 volte lo stesso lavoro, ma la cosa non è così scontata come qualcuno pensa.

Per nessun motivo dobbiamo “toccare” la muffa a secco o con rimedi sbagliati.

Troppe volte è capitato di clienti che si sono ritrovati con muffa in altre stanze per colpa di una gestione “spregiudicata” del problema.

Una volta disinfettato con il liquido (che ribadisco NON è candeggina) si attendono 8 ore e il giorno dopo finalmente abbiamo applicato la nostra strepitosa crema disinfettante.

Ecco il risultato della prima passata e del primo step per togliere la muffa dai muri :

2016-04-01 19.46.32

Già si respira tutta un’altra aria!!!

Ovviamente non ci interessa che il muro diventi bianchissimo dopo il passaggio del disinfettante in crema.

Dopo questa fase dovremo applicare altri due prodotti per completare il risultato : fondo e pittura termica.

Ecco il risultato finale alla fine del trattamento.

2016-04-05 18.47.50

 

Nemmeno Lina poteva credere ai suoi occhi, visto che per una decina d’anni ha dovuto convivere con quella muffa e ormai si era rassegnata.

Queste sono le linee guida per eliminare le muffe più difficili nei muri più freddi della cucina :

  1. Disinfettare la muffa più nera con un liquido battericida (no detergenti o candeggina)
  2. Applicare una o più passate di disinfettante in crema, che non contenga cloro, formaldeide o altre sostanze tossiche.

Dopo questa fase il trattamento è da valutare caso per caso.

Come puoi immaginare non esiste una ricetta uguale per tutti.

Almeno da noi non esiste, perché vogliamo fornirti solo i prodotti strettamente necessari nelle giuste quantità.

Questo possiamo farlo solo dopo aver fatto una valutazione del tuo problema.

Per farlo non c’è bisogno che io venga a casa tua.
Possiamo aiutarti anche se abiti a 1000 km da Milano.

Continua a leggere e ti sarà tutto più chiaro! 😉

 

Cosa posso fare per te a questo punto?

Se sei arrivato fin qui devo farti innanzitutto i miei complimenti perché significa che non sei solo curioso ma ci tieni ad informarti sul problema muffa in casa tua.

Come ti dicevo hai solo un’opzione per collaborare con me e lo staff tecnico di Bastamuffa e ottenere GRATUITAMENTE e SENZA IMPEGNO un’analisi del tuo problema di muffa.

Clicca sul pulsante verde qui in basso e richiedi la valutazione gratuita della muffa:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *