Come eliminare la muffa Definitivamente dai muri, anche se sono anni che PERDI la battaglia in casa tua

Se sei stanco che la tua camera da letto o, peggio ancora, la cameretta dei tuoi bambini diventi nera di muffa come uno spazzacamino dopo una giornata di lavoro, allora devi leggere questo articolo fino alla fine perché forse hai trovato la soluzione per te!

Innanzitutto voglio rassicurarti che non ti trovi nell’ennesimo sito che pubblicizza rimedi miracolosi per eliminare le macchie di muffa.

Se ti trovi qui significa che stai combattendo da tempo contro le macchie di muffa ma non hai ancora vinto la guerra. Anzi, finora ha sempre vinto lei…

Perciò in questo lungo articolo ti svelerò quello che devi assolutamente sapere sulla muffa che gli imbianchini (e i venditori di pitture) non ti hanno mai detto!

Lo so, pensavi di aver risolto quando hai pulito con candeggina e ripitturato di bianco.

Ma alla fine il problema della muffa è TORNATO DI NUOVO e sei ripartito da zero.

 

Il vero “dramma” di chi affronta la muffa in casa senza le giuste armi è la frustrazione di perdere tempo e denaro tentando qualsiasi rimedio pur di risolvere il problema.

Magari ti è capitato di delegare questa guerra al tuo imbianchino di fiducia che ti ha promesso la soluzione al tuo problema, usando i suoi prodotti che hanno sempre funzionato ma niente.

Qualcuno, esasperato dall’ennesimo fallimento e senza ormai più speranze, si è lasciato convincere a ricoprire le pareti colpite da muffa da pannelli di polistirolo.

Altro (GROSSO) fallimento.

 

Eppure tuo cugino ti ha sempre detto che basta una bottiglia di candeggina da 1 euro e il problema si risolve senza regalare soldi in giro.

Perché agli altri sembra così facile risolvere il problema e tu impazzisci dietro quelle macchie nere che non ti fanno dormire la notte?

 

PARTIAMO DAL PRINCIPIO.
Ti spiego cos’è e le cause più frequenti di formazione della muffa in casa tua.


 

Cominciamo dal concetto più banale ma che devi superare subito, se non vuoi buttare soldi dalla finestra per l’ennesima volta. La muffa è un fungo e vive (anche) nelle nostre case.

Non è uno sporco da pulire anche se quei puntini neri si tolgono con uno straccio imbevuto di candeggina.

Come tutti i funghi (compresi quelli che mangi) la muffa si diffonde tramite le spore che vengono rilasciate nell’ambiente.

Proprio così! Quando raccogli i funghi devi pulirli con attenzione dal loro terriccio per permettere alle spore di ritornare sul terreno e far sviluppare altri funghi.
Peccato che se succede in casa nostra facciamo un vero e proprio disastro!

Quindi devi sapere alla perfezione con quale nemico stai combattendo se lo vuoi sconfiggere.

Uno dei motivi per cui si formano macchie di muffa nelle nostre case è lo scarso isolamento termico che abbiamo nelle pareti rivolte verso l’esterno che sono più fredde.

Mi spiego meglio.

Immagina lo specchio del tuo bagno che si appanna quando fai la doccia.
Perché succede?

Semplice. I vapori caldi sprigionati dalla doccia vanno a finire su una superficie fredda (lo specchio) e formano la condensa.
Una normalissima reazione naturale.

Basta asciugare lo specchio con un panno asciutto e la condensa sparisce.
Cosa succede invece se la condensa si forma sui nostri muri per colpa delle pareti fredde quando arriva la stagione invernale e ci sigilliamo in casa? (finestre doppi vetri chiuse e poco ricambio d’aria).
E’ normale che in queste condizioni si formi della muffa in casa tua.

Altra nota di servizio.
La muffa che ti si forma in casa è la stessa che colpisce i cibi mal conservati che vanno a male.

Bella scoperta dirai tu.

Peccato che quando ammuffisce del pane lo buttiamo IMMEDIATAMENTE mentre quando abbiamo muffa sui muri, spesso facciamo finta di niente.

Ribadisco il concetto.
Purtroppo non si tratta di sporco da pulire con un po’ di candeggina.

La muffa sui muri si forma per almeno 6 motivi:

  1. Muri freddi rivolti all’esterno e pilastri in cemento armato non perfettamente isolati.
  2. Umidità di risalita in stanze al piano terra o seminterrati.
  3. Biancheria umida messa ad asciugare all’interno specialmente nella stagione fredda.
  4. Eccesso di acqua nelle piante che tieni in casa.
  5. Eccessivo isolamento della stanza (ad esempio nuovi serramenti a doppio e triplo vetro ad isolamento totale).
  6. Vapore acqueo prodotto dall’uomo che va a depositarsi sulle pareti (ogni adulto ne produce circa tre litri al giorno). Logicamente non vi chiedo di non respirare per combattere la muffa dai muri.

 

 

Perché i rimedi antimuffa tradizionali non funzionano?


Quando abbiamo muffa in casa la prima cosa che facciamo è chiedere consiglio ad un amico o al colorificio di fiducia.

Oppure se ci sentiamo “ferrati” in materia perché tanto abbiamo già pitturato casa in passato, andiamo direttamente al centro commerciale e ci portiamo a casa qualcosa.

Ma vediamo di capire cosa ci offre il mercato e come mai questi prodotti non risolvono il tuo problema specifico e non riescono ad eliminare la muffa dai muri.

Spray Antimuffa

Il prodotto più gettonato e venduto è sicuramente lo spray antimuffa che trovi ad un prezzo bassissimo e promette di eliminare definitivamente la muffa dai muri.

Se hai letto l’etichetta avrai notato che la formula è a base di ipoclorito di sodio, ovvero CANDEGGINA e che l’etichetta specifica che il prodotto è NOCIVO e TOSSICO, quindi va usato con attenzione.

Eppure molti spruzzano questi prodotti con leggerezza, anche nelle camerette, sperando che dopo qualche ora d’aria tutto sia nuovamente sicuro.

Tralasciando il pericolo per la tua salute, quello che succede con questi prodotti è assolutamente NIENTE.

Il principio attivo del cloro è aggressivo e sbianca istantaneamente la parete. Infatti in 10 minuti hai davvero eliminato la macchia nera e questo ti incoraggia a continuare (almeno la prima volta).

Quello che dovresti sapere però è che quel prodotto da 10 euro non uccide la muffa sui muri e non previene la sua riformazione.

E’ solo un composto chimico aggressivo che serve per pulire la parete ma non ha validità come battericida contro la muffa.

Del resto con 10 euro cosa volevamo aspettarci? La cura definitiva per qualsiasi muffa?

Tantovale usare candeggina pura che costa meno di 1 euro, se proprio ci vogliamo intossicare.

Sicuri di voler eliminare la muffa con la candeggina?

Pittura Antimuffa

Un altro “rimedio” dopo aver pulito la muffa dai muri in qualche modo è usare la pittura antimuffa.

Sono rimasto stupito anch’io quando ho scoperto che nelle pitture antimuffa c’è una piccola percentuale di principio attivo (chiamato biocida) che non è altro che una sostanza chimica dal potere igienizzante che “fa un po’ di pulito” quando imbianchi e sicuramente qualche germe lo ammazza.

Questo non significa che la muffa sui muri non tornerà più.
Se non risolvi la causa che scatena il problema ti ritroverai con la stessa muffa il prossimo inverno.

Provare per credere…ma forse se stai leggendo questo articolo ci hai già provato.

Ti assicuro che non è una provocazione.

Il mito della pittura antimuffa che elimina qualsiasi problema di muffa dalle pareti è da sfatare immediatamente.

Quello che hai tra le mani è una normalissima pittura a cui è stata aggiunta un po’ di igienizzante che però ha una durata residuale nemmeno troppo lunga.

Hai presente l’insetticida in spray che fa effetto per qualche giorno e poi svanisce e devi rimetterlo?

La stessa cosa vale per la pittura antimuffa.

Potrebbe anche disinfettare quello che c’è sulle pareti ma quanto durerà l’effetto di questa bomba chimica?

E se si forma condensa sui muri che si fa?

Rimedi naturali

Se invece sei un amante dei rimedi naturali antimuffa allora avrai sicuramente provato soluzioni tipo :

  • Bicarbonato
  • Acqua ossigenata
  • Aceto
  • Alcool
  • Semi di pompelmo
  • Tea tree oil
  • Ecc ecc

Eppure hai letto articoli su Internet che promettevano la soluzione del problema facendo un pentolone magico di ingredienti naturali.

Peccato, sarebbe stato bello ma l’aceto non basta per uccidere quella muffa nera che hai in casa.

Quindi perché su internet non si parla d’altro?

Perché sono vecchi insegnamenti che ci tramandiamo dai nonni che finchè non avevano di meglio in mano si sono “difesi” con quello che avevano a disposizione.

Rimane il fatto che nonostante le proprietà vagamente igienizzanti di bicarbonato e acqua ossigenata, il problema si presenta per cause più complesse e quindi stiamo perdendo tempo usando questi rimedi naturali.

Almeno posso dire che in questo caso nessuno si avvelena rispetto all’uso della candeggina.

Ti farei vedere qualche foto dei casi peggiori che mi sono capitati così ti rendi conto fin dove si può spingere la muffa sui muri se la lasci crescere indisturbata.

 

Secondo te vivere in una casa con una muffa del genere fa bene alla salute?

Hai idea dei rischi per la salute corriamo respirando spore della muffa?

Senza fare quello che vuole diffondere il panico, permettimi di darti qualche informazione a riguardo.

LA MUFFA È TOSSICA!

Tossica nel senso che può farti ammalare.

Tramite le spore, rilascia tossine pericolose per la salute!

La più pericolosa si chiama Strachybotryschartarum ed è quella classica con macchie nere verdognole (che spero per te non sia quella che hai TU IN CASA TUA).

La muffa in casa ha diverse conseguenze sulla salute, soprattutto per i bambini che, a seconda della durata e della quantità di spore inalate/ingerite, possono presentare diversi sintomi:

  • starnuti,
  • tosse,
  • naso che cola,
  • nausea,
  • vomito,
  • diarrea,
  • perdita di appetito,
  • attacchi d’asma,
  • dolore all’orecchio, ai muscoli, alle articolazioni

 

Insomma, dietro tanti raffreddori e allergie, spesso c’è anche la collaborazione della muffa che hai in casa e non hai ancora eliminato definitivamente.

Prova a riflettere sul tuo stato di salute in inverno, nel periodo che hai avuto muffa in casa.

Mi hanno raccontato tanti genitori che quando avevano muffa in casa i loro bambini stavano male, per poi migliorare quando andavano il weekend dai nonni, e tornare a peggiorare quando ritornavano a casa.

Niente di più normale. L’aria che respiriamo in casa non dovrebbe essere contaminata dalle spore della muffa.

 

 

Dopo questa doverosa introduzione ora vorrei spiegarti quale metodologia abbiamo elaborato noi di Bastamuffa per eliminare DEFINITIVAMENTE la muffa dai muri.

Una sola premessa prima di continuare a leggere.

Da questo punto in poi spiegherò come affrontiamo il problema della muffa sui muri con i nostri clienti, usando i migliori prodotti che offre il mercato.

Quello che non devi assolutamente fare è comprare dei prodotti simili, applicarli in maniera sommaria e sperare in un risultato.

Hai già fatto delle prove e non è andata bene.

Altrimenti non saresti qui a cercare risposte alle tue domande!

Proprio per questo chiedo sempre al cliente, PRIMA di fare qualsiasi acquisto, di raccontarci in maniera dettagliata il suo problema richiedendo la nostra Valutazione della Muffa, che spiego più avanti.

Questo strumento, gratuito e senza impegno, ci differenzia da qualsiasi altro negozio online e fisico che vende prodotti senza assistenza e ci permette di risolvere SEMPRE il tuo problema e darti una garanzia di tre anni.

 

Le 3 fasi del trattamento per eliminare la muffa
DEFINITIVAMENTE
Il trattamento da utilizzare si snoda in 3 fasi,
che risolvono 3 differenti problematiche.


 

FASE 1 :DISINFETTARE LA MUFFA
Serve a poco pitturare se prima non hai STERMINATO la muffa dalle pareti. Sei d’accordo?

FASE 2: FONDO TERMOISOLANTE
Sicuramente la tua stanza ha delle pareti più fredde che sono causa del tuo problema.
Ci vuole maggiore attenzione in questi punti con un prodotto specifico prima di pitturare

FASE 3 : FINITURA ANTICONDENSA
Terminiamo il lavoro con un rivestimento anticondensa e termoisolante per isolare la stanza ed eliminare gli sbalzi di temperatura che sono causa del tuo problema di muffa sui muri.
Ma andiamo per ordine.

 

FASE 1 DISINFETTARE LA MUFFA

Il problema dei “rimedi tradizionali”

Senza dubbio avrai già provato il classico “igienizzante” antimuffa spray, comprato in colorificio o al centro commerciale.

Forse te lo ha consigliato un amico o il commesso.
Ha una bella confezione, costa poco e promette di togliere la muffa dalle pareti. Apparentemente senza la necessità di ulteriori prodotti.

Peccato non sia così, visto che il migliore degli “spruzzini” ha una bassa percentuale di cloro (candeggina) e più che sbiancare la parete non fa.

Anzi no, qualcos’altro lo fa : TI AVVELENA!

(basta leggere il retro dell’etichetta e respirare a pieni polmoni l’aroma durante l’applicazione)

Come ti ho spiegato prima, questi prodotti a base di candeggina (ipoclorito di sodio) puntano sull’aggressività e sul fatto che “puliscono” la macchia di muffa dai muri.

Il problema è che, una volta svanito l’effetto, la muffa ritorna più forte di prima e quindi ci siamo intossicati inutilmente.

Eliminare la muffa dai muri

Il Trattamento Bastamuffa

L’approccio corretto per eliminare la muffa PER SEMPRE è totalmente diverso.
Prima di tutto, il disinfettante da usare deve essere sicuro ed ecologico.

Non ti puoi permettere di trattare la muffa nella camera di un bambino con un prodotto nocivo alla sua salute che non solo non stermina completamente la muffa dai muri ma rimane nell’aria per tanto tempo.

Quindi ti consiglio l’utilizzo solo di prodotti realmente ECOLOGICI e ATOSSICI che abbiano ben specificato sull’etichetta il livello di sostanze volatili (VOC) che deve essere più vicino possibile a ZERO (o almeno inferiore a 1).

Il prodotto che utilizziamo direttamente sopra la muffa è un igienizzante in crema che sterilizza in maniera definitiva tutto quello che tocca.

Il bello di questo prodotto è che è stato formulato con principi attivi di origine naturale e quindi può essere certificato CLASSE A+ visto che non contiene formaldeide.

La sua azione antibatterica neutralizza la muffa dalle pareti senza lasciare odori e il muro ritorna immediatamente bianco.

Questo tipo di prodotto è quindi adatto a trattamenti nei mesi invernali o in camere da letto, anche quelle dei bambini.

 

FASE 2 FONDO TERMOISOLANTE ANTICONDENSA

Come dicevo prima, una delle cause maggiori della formazione della muffa in casa tua, risiede nella presenza del “ponte termico”, quel fenomeno per il quale le pareti esposte all’esterno hanno una temperatura più bassa rispetto al resto della casa, formando così la condensa.

Alla luce di questo, l’obiettivo della fase 2 è quello di isolare termicamente la stanza ed abbattere il ponte termico che si è formato sui muri esterni.

Immagina la tua stanza come fosse un thermos che mantiene caldo il tuo caffè per ore.

Com’è possibile ottenere lo stesso risultato in una stanza con problemi di muffa sui muri?

Per rendere le tue pareti esterne meno fredde, è necessario proteggerle con un rivestimento termico che sia prima di tutto traspirante e con un altissimo potere isolante.

Adesso la tua stanza ha grosse differenze di temperatura tra muri esterni e interni, soprattutto in alcune pareti della stanza.

La soluzione non è applicare un pannello di polistirolo per nascondere il problema della muffa, ma risolvere il problema alla radice.

 

Cosa succede di solito nella fase 2

Qui non c’è molto da dire.
Solitamente non esiste una fase 2 quando ti vendono dei prodotti antimuffa.

Se sei fortunato ti potrebbero vendere un fissativo antimuffa, che non è altro che un normalissimo fissativo acrilico con l’aggiunta di qualche goccia di igienizzante, in modo da poterlo etichettare “ANTIMUFFA”.

Utilità ZERO, Efficacia MENO CHE ZERO.

Per onestà intellettuale, sarebbe meglio non consigliare nessun prodotto, se non c’è una reale necessità ma mettiti nei panni del negoziante.

Deve fare la giornata e non puoi uscire da quel negozio a mani vuote!

 

Il Trattamento Bastamuffa.

Ci ho messo qualche anno per affinare questo passaggio.

Ho sperimentato tanti prodotti e li ho scartati tutti.
TRANNE UNO.

La mia necessità era quella di applicare, dopo aver disinfettato, un fondo su tutte le pareti fredde, soffitto compreso.

Ma non volevo far sprecare tempo e denaro ai miei clienti rifilando un fissativo con etichetta carina che non serviva a nulla e aveva ZERO POTERE ISOLANTE.
Finalmente qualche anno fa ho scoperto un prodotto unico nel suo genere.

Una GUAINA TERMICA da applicarsi esclusivamente a pennello, prima della pittura.

NOTA BENE.

Non si tratta della guaina gommosa che si applica per impermeabilizzare i tetti.
Al contrario è un prodotto che somiglia ad una pittura, solo che non è una pittura! 😉

E’ un prodotto piuttosto denso che ha una particolarità.

E’ LEGGERISSIMO.

Infatti sollevando la latta grande sembrerà quasi vuota.
Questo è dovuto dall’altissima concentrazione di microsfere isolanti che alleggerisce il peso del prodotto e ne aumenta il volume.

Questo prodotto ha un potere isolante esagerato! Ha un potenziale recupero termico di 5-6°C.

Si hai letto bene, ho scritto 5-6° C.

Non ci credi?

Guarda la foto qui in basso.

Ho preso due lastre di ferro dal fabbro.
Una l’ho lasciata così com’è (quella a sinistra).

L’altra l’ho pitturata con 2 mani di Guaina termica e poi ho misurato con la termocamera.



Direi che i numeri parlano chiaro.

Si tratta di un prodotto che si applica nelle pareti più fredde che fa davvero la differenza.
Dopo aver applicato 2 mani di questo prodotto nei muri più freddi ti assicuro che al tocco diventeranno CALDI e inattaccabili da muffa e umidità.

C’è un’altra caratteristica fondamentale che accomuna TUTTI i prodotti che compongono il nostro trattamento.

Sono tutti certificati CLASSE A+ e hanno un livello di VOC (sostanze tossiche volatili) prossimo allo zero.

Niente male vero?

Fatta questa seconda operazione lascia asciugare i muri e poi preparati ad imbiancare.
Quello che abbiamo realizzato nella fase 2 rende le pareti più colpite dalla muffa finalmente meno fredde e quindi con una temperatura più vicina al resto della stanza.

Sai che alla fine il 95% delle macchie di muffa sui muri è causato da questo problema?

Se un angolo è così freddo rispetto al resto della stanza e ci finisce sopra il calore dei nostri riscaldamenti è NORMALE che si formi condensa e muffa sulle pareti.

Il nostro lavoro consiste nel capire dove sono questi squilibri termici, perchè si formano e trovare una soluzione su misura.

Ecco spiegato in una riga il nostro lavoro!

Adesso sei nella fase finale dell’opera di bonifica della muffa e, finalmente, dell’eliminazione dei ponti termici che hanno creato questo problema (finora) irrisolvibile e irrisolto.

 

Fai attenzione
È proprio ora che il TRATTAMENTO “BASTAMUFFA” entra nel vivo.

 

Fino ad oggi hai utilizzato la pittura “antimuffa” del centro commerciale o del colorificio ma il risultato è stato fallimentare.

La spiegazione è semplice. Per quanto il nuovo strato di bianco possa essere “antimuffa”, la tua parete fredda sarà comunque sottoposta alla condensa e quindi la muffa continuerà a riformarsi.

Questo perché non è stata eliminata l’altra causa che genera la MUFFA, ovvero la condensa.

E’ proprio per questo motivo che ti consiglio l’uso di pitture TERMOISOLANTI e ANTICONDENSA, non ANTIMUFFA!

La scelta della pittura termica ideale per il tuo problema è una fase cruciale del nostro Trattamento BASTAMUFFA.

 

FASE 3 FINITURA ANTICONDENSA

Qui sorgono ulteriori dubbi nella mente di chi vive confrontando i prezzi di qualsiasi prodotto sta per acquistare.

Quale pittura termoisolante scegliere?

“Ne ho viste tante al centro commerciale in offerta sotto i 100 euro e il commesso ha detto che sono buone!”

In realtà quando compri una pittura termoisolante il prezzo determina al 100% la sua qualità.

In questo momento, la tecnologia leader in fatto di pitture termoisolanti prevede l’utilizzo di microsfere cave di ceramica.

Ho testato tante marche di pittura (anche quelle cosiddette “famose”) con tecnologia a microsfere di vetro, ma nessuna mi ha soddisfatto come le pitture a base di ceramica.

Proprio per questo ho deciso di proporre UN SOLO PRODOTTO, il migliore, per non generare ulteriore confusione nel cliente.

Non esiste un trattamento risolutivo buono e un altro economico.

Se l’obiettivo è risolvere veramente, senza derubare il cliente di tempo e denaro, bisogna puntare sul TOP di gamma che esiste al momento.

Quanti tentativi hai fatto finora con prodotti che non si sono rivelati all’altezza?

Permettimi di dirti con tutta franchezza che risparmiare sulla pittura termica equivale a scommettere sulla buona sorte, visto che non avresti nessuna garanzia di successo ad utilizzare la pittura termoisolante del centro commerciale.

Eppure il giovane commesso mi ha detto che basta che compro quella e risolvo!

BALLE!

Come può consigliarti un prodotto senza nemmeno averti chiesto che problema hai e analizzato il tuo caso in maniera approfondita?

Questo per me rimane un mistero.

Io continuo a rifiutarmi di fornire assistenza a chi non mi fornisce foto e dettagli precisi sul suo problema.

Sarò strano io ?

Ecco l’identikit che deve avere la MIA pittura termica ideale :

  1. Certificata CLASSE A+ (non te lo ripeto ma lo avrai capito che sono fissato sui prodotti ecologici e sicuri per la salute)
  2. VOC zero (stesso motivo di sopra)
  3. Deve essere formulata a base di microsfere di ceramica e non di vetro (i prodotti a vetro sono molto più economici MA isolano NON risolvendo quindi il problema)
  4. Deve essere colorabile e avere un risparmio energetico certificato

Dopo innumerevoli ricerche alla fine ho trovato il prodotto che rispondesse a TUTTE queste esigenze e finalmente ho coniugato un potente recupero termico con un prodotto senza Formaldeide e altre sostanze tossiche.

Ti pare poco?

Ovviamente il prodotto in sé non fa miracoli se non viene inserito in un trattamento ragionato.

 

IL NOSTRO TRATTAMENTO BASTAMUFFA


 

Dopo averti spiegato cos’è la muffa, perché si forma e quali sono le TRE FASI che un trattamento antimuffa efficace deve seguire, ti presento il nostro trattamento e quello che possiamo fare per te.

Perché per eliminare definitivamente la muffa dai muri, NON basta solo comprare i prodotti giusti (che pure sono fondamentali) ma anche avere il supporto tecnico qualificato per utilizzarli nel modo giusto…altrimenti rischi di fare un buco nell’acqua dopo aver speso altri soldi.

Per esempio, sai che non si possono ricoprire le pitture termiche altrimenti perdono il 90% del loro potere isolante?

Un nostro cliente che aveva comprato per i fatti suoi la pittura termica ci ha una volta contattato lamentandosi che dopo 2 anni gli è tornata la muffa.

Indaga indaga ho scoperto che dopo 2 anni aveva ricoperto la preziosissima pittura termica con una traspirante.

DISASTRO!

Se invece di comprare il prodotto su Ebay per risparmiare 5 euro si rivolgeva a noi, evitava il danno, o almeno, visto che la prima valutazione della muffa che facciamo è GRATUITA, capiva che doveva evitare di fare quanto ha fatto…

Ma chi mi garantisce che il TRATTAMENTO BASTAMUFFA funziona?

Due cose:

  1. La nostra GARANZIA di 3 ANNI – Soddisfatti o Soddisfatti
  2. Le testimonianze di chi ha applicato il nostro trattamento prima di te

 

GARANZIA di 3 ANNI – Soddisfatti o Soddisfatti

Ti spiego velocemente come funziona la nostra garanzia ma ti suggerisco di approfondire l’argomento più tardi nella sezione apposita.

Come si fa ad ottenere una garanzia di 3 anni sul trattamento?
Prima cosa devi richiedere una valutazione del tuo problema di muffa in casa.

Non siamo maghi o indovini quindi senza aver studiato il tuo caso in maniera approfondita non è possibile darti una soluzione garantita.

Dopo una valutazione telefonica con un nostro tecnico, dove dovrai raccontarci tutto ma proprio tutto sulla tua casa e su quello che hai combinato finora per eliminare la muffa, avremo raccolto tutti gli elementi necessari per creare il trattamento su misura del tuo problema.

Sarà come andare dallo specialista che ti visita per un problema specifico (e non dal medico generico che sa un po’ di tutto) e ricevere una prescrizione dettagliata su quello che devi fare per guarire.

Se applicherai sulle pareti i materiali consigliati seguendo fedelmente il manuale di istruzioni stampato su carta, avrai diritto ad una garanzia di 3 anni che copre qualsiasi imprevisto possa accadere.

Quindi tra tre anni e 2 mesi tornerà la muffa?

Ovviamente no.

Faccio questo lavoro dal 2009 e tanti prima di te hanno applicato il nostro trattamento a casa loro con ottimi risultati, ma solo dopo aver richiesto una consulenza prima dell’acquisto.
Se pensi di fare fai-da-te anche questa volta non potrò aiutarti, anzi ti sconsiglio di acquistare i nostri prodotti. Evitiamo perdite di tempo e denaro entrambi, visto che io ci metto la faccia su quello che scrivo e prometto.

 

LA TESTIMONIANZA

Che ne dici se ti racconto la storia di un nostro cliente che ha acquistato il nostro trattamento nel 2012 e ci ha lasciato una testimonianza video?

ECCOLA

Giuseppe aveva un fastidioso problema di muffa sui muri di casa sua, aggravato dal fatto che sua figlia di 4 anni era pure allergica alla muffa.

Come ti ha raccontato nel video, Giuseppe si è trovato ad affrontare il problema della muffa in più riprese, nel senso che prima di conoscerci le ha davvero provate tutte.

Gli ho chiesto la gentilezza di lasciarmi questa breve testimonianza per poter raccontare la sua storia, che è comune a tantissimi papà con bambini piccoli in casa.

Prima mossa, spray con candeggina del centro commerciale e vai di pittura antimuffa.
Durata : qualche mese (in inverno la muffa torna sempre!)

Poi parlando con amici si è lasciato convincere ad applicare dei pannelli di cartongesso sopra la muffa per tenerla lontana.
Altro fallimento perché la muffa sul muro dietro questi pannelli cresce indisturbata ed è solo una questione di tempo.

Ma dimmi una cosa : tu ti laveresti una ferita che ti sta inondando di sangue…con dell’acqua?

No, vero? E non credo che tapperesti un buco con un cerotto.
Quello che sto cercando di dire è che questi rimedi estetici non servono per eliminare la muffa dalle pareti e Giuseppe lo ha imparato a sue spese, purtroppo.

Ma torniamo alla storia di Giuseppe.

Ad un certo punto, quando ormai sembrava impossibile risolvere il problema, con sua figlia di 4 anni in crisi respiratoria ad ogni inverno, Giuseppe fa una ricerca su Google e finisce nel nostro blog.

Leggendo i nostri articoli si è incuriosito e mi ha contattato.

La prima cosa che gli ho chiesto, ovviamente, sono state delle foto del suo problema e di raccontarmi la sua storia, con tutti gli errori e i fallimenti del passato.

Solo analizzando questi particolari possiamo capire le cause del problema e come risolverlo.

Il fatto che ci troviamo a trattare una cameretta di una bambina richiede ancora più attenzione sulla scelta dei prodotti da usare.

Per fortuna tutti i nostri prodotti sono sicuri per la salute e certificati Classe A+, quindi non è stato un problema applicarli anche nella stagione fredda.

Come abbiamo risolto il problema di Giuseppe?

Ho applicato i principi delle 3 fasi che ti ho spiegato nell’articolo, adattandole al suo caso specifico.

  • Abbiamo disinfettato le zone colpite da muffa con l’igienizzante in crema, solo dove serviva e senza sprechi.
  • Una volta identificate le pareti a NORD (quelle più fredde) abbiamo preparato il fondo con la guaina termica, avendo cura di allargarci anche oltre la zona fredda.
  • Infine abbiamo pitturato l’intera stanza con la migliore pittura termoisolante a base di ceramica.

Il tutto senza usare cloro, biocidi e pitture con formaldeide e altre sostanze non ben identificate.

E’ stato un piacere rivedere Giuseppe nel settembre del 2016 perché in realtà non passava di lì solo per salutarci ma per acquistare altri prodotti per trattare un’altra stanza.

Non potevo non chiedergli notizie sul trattamento che aveva applicato parecchi anni fa.

Quello che più mi ha fatto piacere è che ha notato l’effetto termico del trattamento nella vita quotidiana.

Questo trattamento rende la tua stanza più calda in inverno e più fresca in estate e ti assicuro che non è una sparata pubblicitaria ma l’effetto REALE di un rivestimento termico studiato a tavolino con il cliente.

Pensare di dover impostare il riscaldamento a 21°C per ottenere solo 19°C è frustrante e dispendioso.

Non ci puoi fare niente e sai che la bolletta sarà salata come ogni inverno perché ci sono delle dispersioni di calore in quei muri freddi.

Tutto questo si riduce drasticamente quando applichi la giusta sequenza di prodotti termoisolanti.
Bada bene, qui non si parla di pittura ma di RIVESTIMENTI TERMOISOLANTI.
Sarebbe inappropriato confrontare una banalissima pittura antimuffa da 50 euro con un prodotto che ha delle caratteristiche di isolamento termico paragonabili a pannelli isolanti.

Permettimi di mostrarti qualche foto del lavoro di Giuseppe.

PRIMA

DOPO

Posso mostrarti un altro paio di testimonianze in video?
Questi video sono stati fatti chiedendo il parere di clienti storici dopo che sono passati almeno 4 anni dal loro lavoro.

Per fartela breve ho colto l’occasione della loro visita nei nostri uffici (per comprare altro materiale) per chiedergli la gentilezza di lasciami una testimonianza sul trattamento applicato anni prima.

 

Cosa posso fare per te a questo punto?

Se sei arrivato fin qui devo farti innanzitutto i miei complimenti perché significa che non sei solo curioso ma ci tieni ad informarti sul problema muffa in casa tua.

Come ti dicevo hai solo un’opzione per collaborare con me e lo staff tecnico di Bastamuffa e ottenere GRATUITAMENTE e SENZA IMPEGNO un’analisi del tuo problema di muffa.

Clicca sul pulsante verde qui in basso e richiedi la valutazione gratuita della muffa:

 

One thought on “Come eliminare la muffa Definitivamente dai muri, anche se sono anni che PERDI la battaglia in casa tua

  1. Pingback: Quello che gli imbianchini non dicono (sulle pitture termiche)

Comments are closed.